Per chi si trovasse a maggio a Napoli, da non perdere il tour enogastronomico WineandCity, dal 6 al 25 maggio in giro per quattro quartieri nel cuore del centro di Napoli. 20 giorni, 100 appuntamenti diversi, 95 location, 6 musei/siti monumentali, 70 aziende vinicole provenienti da varie regioni tra cui Puglia, Abruzzo, Toscana, Alto Adige, Liguria, Veneto e naturalmente la Campania, 2 consorzi e il Movimento Turismo del Vino della Campania, 1 birra e dulcis in fundo 9 produzioni artistiche inedite. La conferenza stampa della kermesse si è tenuta Giovedì 28 Aprile alle ore 11:30 presso il Museo/Villa Pignatelli nella cornice della riviera di Chiaia.

13091989_10208146289686872_7267977356672052868_n13133350_10208146292166934_3654431121601537923_n

Maggio si apre con la giornata dedicata all’ingresso gratuito dei musei e con un carrello variegato di eventi da non perdere.

Coltiviamo ebbrezza creativa è questo il claim della nona edizione di WineandCity, la rassegna che invade la città di Napoli a Maggio in un crossover di appuntamenti che combinano cultura del vino e creatività diffusa. Nata nel 2008 da un’idea di Donatella Bernabò Silorata, WineandCity è una festa mobile che si reinventa ogni anno nei luoghi e nei contenuti. L’inaugurazione dell’evento si apre ufficialmente al pubblico il 6 Maggio nel cortile di Palazzo Caracciolo con il cooking dj set di Don Pasta e si chiude con un finale speciale a Nisida sede dell’Istituto penale per i Minorenni. Ogni anno la rassegna svela luoghi della città sconosciuti e poco accessibili, gioca sull’effetto sorpresa e sulla contaminazione di generi espressivi. Poesia, arte, musica, cucina d’eccellenza e street food, danza e performance teatrali sono gli ingredienti di questa special edition: il buon vino italiano è il motore di tutto, il filo che lega in una trama gioiosa tutti gli appuntamenti della rassegna che tocca musei, e palazzi storici, boutique e giardini, case private, gallerie d’arte e design, alberghi e ristoranti, gli spazi di transito dell’Aeroporto Internazionale di Napoli e della Metropolitana dell’Arte, le barche a vela nel golfo con le degustazioni in alto mare di Toomultisailing e lo slow-sailing lungo la costa di Velaviaconme.

13124451_10208146294967004_3567355471660356940_n13094277_10208146290046881_774415537586104054_n

 

Per la prima volta WineandCity entra nei luoghi del Polo Museale della Campania: nel Museo di San Martino, a Villa Pignatelli, nel parco della Tomba di Virgilio, nel Museo del Tesoro di San Gennaro, il Teatro Bellini e il nuovo Hart Cinema Food Music. E ancora Palazzo Zevallos con lo spettacolo di teatro itinerante “5 bicchieri di vino”, la Fondazione Pietà dei Turchini che porta le musiche della Festa di Bacco di Leonardo Vinci 1722 a Villa Pignatelli e il Goethe Institut che propone una passeggiata narrata sui luoghi di Goethe in occasione del bicentenario della pubblicazione di “Viaggio in Italia”. Tanti aperitivi da assaporare e bere nelle strade più in di Napoli.  L’11 maggio in via Carducci, il 13 in via Filangieri e piazzetta Rodinò, il 17 in via Carlo Poerio, via Fiorelli e alla Riviera di Chiaia, il 18 in via Piedigrotta, il 19 in via Bisignano, via Calabritto e piazza Vittoria e al Corso Vittorio Emanuele. Il 10 in piazzetta Ascensione con il team creativo di Marchè Mariage, il 13 sulle scale Francesco D’Andrea in via Filangieri con Danza Nuda Anima. La manifestazione inoltre incrocia gli happening di NapoliModaDesign dall’11 al 23 maggio. Il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo porta a Napoli le barrique dipinte dagli spagnoli Enrique Martin e Raul  San Cristobal, L’Hotel Piazza Bellini trasforma il proprio cortile settecentesco in una festa di piazza, tra artisti e cibo da strada, e il Grand Hotel Parker’s insieme al collettivo 137A capovolge i punti di vista con una serata Sottosopra.

Chef e pizzaioli di fama partecipano alla rassegna spesso con performance culinarie nomadi e non convenzionali. Infine, due appuntamenti a sorpresa: con il collettivo Datè che coinvolge il bus del Citysightseeing in un insolito percorso cittadino con tanto di kit di sopravvivenza per sosta e degustazione, e lo Champagne mob dell’Associazione Italiana Sommelier di Napoli.

A cura di

Alessandra Capasso