La Crotone Carnival Race giunge alla seconda edizione e quest’anno lo fa in grande, regalando alla città di Crotone –oltre allo spettacolo di mare cui l’Optimist European Championship di luglio 2016 l’aveva abituata- una settimana di eventi: teatro, musica, arte, filosofia e libri. Tante storie da raccontare in un evento destinato a storicizzarsi e ad attrarre appassionati e turisti dalla Calabria, dall’Italia e dall’Europa. Un festival, dal 21 febbraio al 28 febbraio 2017, che legherà la regata alla città offrendo momenti di svago sia agli sportivi che agli amanti del mare e a chi avrà voglia semplicemente di riempirsi gli occhi di colore e la mente di sapere in una provincia la quale, grazie al suo Club Velico e al Presidente Francesco Verri (noto Avv. Penalista), è riuscita con successo a segnare un’inversione di rotta. 

Trecentododici iscritti provenienti da ogni angolo d’Europa e anche oltre, pronti a replicare il successo delle precedenti competizioni e immersi in un luogo unico che ha scelto di avere il vento sempre in poppa e il sole a far da cornice. Lo stadio della vela di Crotone è pronto a ospitare, dunque, quattordici nazioni per merito di un circolo che cresce di anno in anno attraverso la collaborazione sinergica tra i membri del direttivo, i volontari e gli istituti scolastici impegnati nell’alternanza scuola-lavoro.

Ospiti d’eccezione saranno Simone Cristicchi, il 27 febbraio al Teatro “Apollo” e il gruppo crotonese Dat Brass Band per le vie della città. Crotone cresce e lo fa superando i numeri delle regate Optimist più affollate al mondo. Sorpassa, difatti, Palma de Maiorca (286 iscritti) e Bodrum in Turchia (276 iscritti). Un momento di grande ascesa per la perla dello Ionio che proseguirà nel 2017, quando a fine agosto si disputeranno i campionati nazionali giovanili della Federazione italiana vela.

Veronica Otranto Godano

CONDIVIDI