di Lucia Matrone –

download

Colori, colori, colori. La primavera – estate 2013 è all’insegna dei colori: giallo, fucsia, verde, azzurro. Banditi il bianco e il blu. Uno dei must presenti nelle sfilate delle grandi griffe è il fluo, per le donne che amano il colore. Dal fucsia, al giallo, all’arancio, abbiamo visto un’esplosione di tinte forti e vivaci, a seguire il look degli anni sessanta proposto da Vuitton e Gucci: minigonne larghe, caftani di lusso, tubini e cappottini bobn ton. Dolce e Gabbana, Marc Jacobs e Balmain hanno invece proposto righe, rombi e quadrati grandi e piccoli nonchè effetti grafici su bianco e nero. Il vero must però è rappresentato dalle righe: larghe, verticali oppure orizzontali ma rigorosamente bianche e nere, presentate su abiti, caftani, pantaloni e giacche oversize. Prada ed Etro hanno anticipato una tendenza orientale rivisitata in chiave contemporanea e destrutturata: kimono tradizionali e rivisitati, decorati sia con fantasie tipicamente orientali che contemporanee. Laroche e Ferragamo hanno presentato giusto un flash di total white con una nuova inclinazione: il traforato che rende il capo tridimensionale. Il verde in tutte le sue nuances, smeraldo, bottiglia, acquamarina, è stato presentato da Gucci in una sfilata completamente dedicata a questo colore. Le stampe, sempre di gran moda, non rispecchiano più semplici fantasie hawaiane: la concorrenza ha spinto le case di moda a rivisitare anche lo stile delle stampe, avvicinandosi sempre più alla sperimentazione grafica. Per quanto riguarda le borse, sulle passerelle si sono viste principalmente pochette, mini borse e astucci di tutte le fogge. Nel pret a porter quest’anno c’è l’elogio degli shorts, assolutamente non solo da spiaggia, la nuova moda li vuole sempre e dovunque, a vita bassa, a vita alta, fluo. Naturalmente guardiamoci allo specchio prima di uscire di casa, se non si hanno gambe snelle e toniche è meglio optare per altro. Il pret a porter ha presentato per l’estate linee pulite, molto bon ton, per intenderci tubini lunghi o corti anche coloratissimi, gonne al ginocchio, pantaloni lineari e borse leggermente più piccole di quelle della stagione precedente. Si è visto inoltre molto pizzo, con plissè e trasparenze. Nelle pre-collezioni il pret a porter ha presentato toni pastello molto addolciti come fossero sorbetti al limone, alla mela, all’arancio, al mandarino, alla menta, rimandando i colori più forti all’estate piena. Anche il beige pelle ha fatto la parte del leone in questa primavera con pizzo e plissè, abiti stratificati, con volant, con ruches, per valorizzare la tinta neutra in un periodo in cui non avendo ancora l’abbronzatura correremmo il rischio di sembrare zombie. Le lunghezze degli abiti per questa estate sono variabili, tendenzialmente si porta il corto o il lungo, la lunghezza media un pò meno. Niente tailleur e pochissime gonne. Le novità le troviamo nei pantaloni: le nuove tendenze li vogliono larghi e lunghi, anche plissè, qualcuno fiorato o stampato, ma tendenzialmente monocolori e puliti. La lunghezza dei pantaloni della collezione primavera – estate però è molto variabile, dal lungo al cortissimo, alla pescatora e al Capri. Top e camicie sono coloratissimi e pieni di pizzi, balze e volant. Le scarpe e i sandali sono raso terra o altissimi, dalle ballerine alle scarpe da ginnastica fino ai sandali dal tacco altissimo con plateau rigorosamente doppio. Gli accessori come borse, collane, orecchini, cinture, bracciali e quant’altro sono coloratissimi e vistosissimi. Il trucco è delicato e vanno molto di moda le ciglia finte, anche a partire dalla metà dell’occhio. Per i capelli vanno le acconciature alte o i tagli cortissimi, mantiene bene lo shatush. Concludo ricordando a quante mi leggono che le tendenze saranno anche quelle sopra descritte ma ricordiamoci sempre di osservarci con attenzione prima di uscire di casa, non tutto sta bene a tutte. È meglio vestirci con capi che ci stanno bene anche se non sono strettamente di moda.

CONDIVIDI