Escape room, hackaton, aperitivi business to business, sempre più scelti dai recruiter aziendali.

“Il colloquio si terrà domani alle ore 16 in Via…Si raccomanda un abbigliamento elegante”. Il canonico annuncio di selezione del personale non esiste più, superato anche questo da mode social e colloqui non convenzionali. Non bastava la crisi che, di fatto, riduce le possibilità di procurarsi almeno un colloquio di lavoro, non bastavano le domande scomode alle donne: “Ha intenzione di avere figli”? oggi i recruiter aziendali si divertono a selezionare i candidati attraverso incontri innovativi che mirano a valutare alcune caratteristiche le quali fanno fatica a emergere da un curriculum.

E’ il caso della giovane start-up Friendz. L’azienda ha convocato i profili più interessanti, dopo una prima selezione dei curriculum. I partecipanti si aspettavano, dunque, un colloquio di lavoro tradizionale, ma arrivati sul posto si sono ritrovati a una festa in cui hanno dovuto sostenere dei giochi a squadre.  In seguito, i 5 migliori profili di questa prima prova hanno sostenuto la seconda ossia risolvere alcuni enigmi nell’escaping room diX-DOOR a Milano. Sessanta minuti di tempo per ritrovare le chiavi, chiusi in una stanza in cui i vertici aziendali riescono a valutare capacità quali la leadership, la capacità di lavorare in team e problem solving. 

Le Escape Room (In italiano stanza trappola) sono, quindi, l’ultima frontiera del recruiting aziendale. Una situazione fuori dal tempo e dallo spazio, dove viene fuori la vera personalità del giocatore. E alle imprese interessa proprio questo, l’attitudine alla concentrazione del giocatore candidato, l’abilità nel portare a termine un compito e nel rispettare le scadenze. Questi ambienti, inoltre, spesso si rivelano utili per testare i rapporti tra colleghi, poiché i lavoratori escono da una zona di comodità e sono costretti a cercare azioni comuni per la fuga. In sostanza, è qui che s’implementano tutte quelle skills richieste a chi si prepara a lavorare in un’azienda innovativa.

Ma oltre a queste stanze alla Sherlock Holms, esistono altri metodi inediti. Ad esempio gli hackaton, utili per selezionare candidati tecnologici, gli aperitivi business to business, gli e-work cafè, tutte occasioni in cui il selezionatore vede qualità e difetti del partecipante ed è in grado, così, di ricercare  non solo dipendenti, ma alleati.

Veronica Otranto Godano