Schumacker migliora le sue condizioni: “Non è più attaccato alle macchine”

Le sue condizioni erano già difficile da tempo, ma sembra che il campione di Formula 1 Michael Schumacker stia migliorando giorno dopo giorno. Cinque anni davvero duri per lui, la sua famiglia e il suo staff dopo l’incidente sciistico che lo ha costretto a letto con gravi ferite alla testa. Tutto accaduto nel 2013 e da allora è attaccato ai macchinari per respirare.

Tanti i sacrifici della moglie Corinna per mantenere le cure, infatti Schumacker è accudito nella sua villa di Gland in Svizzera seguito da uno staff medico di quindici persone per un costo complessivo di 55 mila euro alla settimana. Non è in pericolo di vita e questo aiuta il ricordo del campione che è sempre rimasto vivido nei suoi tifosi. Secondo il Daily Mail però Schumacker non sarebbe più attaccato alle macchine e ai tubi che aiutavano il suo sostentamento fisico e il campione tedesco dovrebbe restare in Svizzera e non trasferirsi in una struttura apposita negli Stati Uniti come smentito appunto dal padre Rolfh.

Schumi, come chiamato dai tifosi, è stato il più vincente della Formula 1 con sette titoli mondiali vinti, i primi due con Benetton e gli altri con Ferrari, la sua seconda casa, infatti il museo del “cavallino” di Maranello gli ha dedicato una mostra.

 

Valentina Paluccio

 

CONDIVIDI