Su proposta del consigliere del M5S, Vincenzo Spinelli, si discuterà della delibera 167 finita nel mirino dell’inchiesta dell’Antimafia sullo scambio politico-elettorale.

Si continua a parlare della vicenda del voto di scambio politico e corruzione elettorale a Nocera Inferiore, che ha portato all’attenzione dell’Antimafia, finendo in carcere, alcuni dei candidati non eletti della nuova Amministrazione Torquato: l’ex consigliere comunale Carlo Bianco, il candidato Ciro Eboli e il”boss” Antonio Pignataro.

Nel prossimo consiglio comunale, che si terrà domani – venerdì 20 ottobre alle ore 16,00 – sarà proprio questo uno dei punti di cui si discuterà in Assise. In particolare, su proposta del consigliere del Movimento Cinque Stelle, Vincenzo Spinelli, si discuterà della delibera comunale 167 (del 16 maggio 2017), su cui fu presentata interrogazione dallo stesso consigliere Spinelli lo scorso 15 settembre. Si tratta, appunto, della famosa delibera finita all’attenzione dell’inchiesta dell’Antimafia sullo scambio politico-elettorale.

E’ questa una vera novità, dal momento che per la prima volta- e finalmente – in Consiglio comunale si discuterà di tale questione, per un confronto da tanto auspicato dai consiglieri della minoranza.

Con la suddetta delibera, la Giunta ha disposto l’avvio dell’iter amministrativo per arrivare ad una modifica del Puc necessaria per poter realizzare una casa famiglia presso la Parrocchia di San Giuseppe a Montevescovado.

Ho presentato quest’interrogazione come consigliere del M5S per avere delle risposte che facciano luce su degli interrogativi di natura politica ed amministrativa- ha dichiarato il consigliere Spinelli. Mi aspetto, pertanto, che l’amministrazione comunale dimostri verso il mio atto un elevato senso di responsabilità, fornendomi delle risposte serie e convincenti e soprattutto fondate e corrette in termini politici ed amministrativi – continua Spinelli. Mi auguro – conclude – che la mia interrogazione  non venga vista come un semplice atto proveniente da un consigliere dell’opposizione, ma come un’istanza che finalmente permetterà di dare delle risposte a tutti i cittadini nocerini che ormai da troppo tempo le attendono”.

CONDIVIDI