La presidente della Corte d’appello, Iside Russo, nella relazione che prevede l’apertura dell’anno accademico ha rilevato alcune emergenze nell’analisi dei reati nel distretto salernitano. Uno su tutti: l’impennata dei procedimenti per bancarotta, in primis nel territorio dell’Agro nocerino Sarnese che forse di più ha sofferto la crisi.

Sono anche aumentati gli illeciti relativi al traffico di  stupefacenti e un incremento dei procedimenti civili iscritti alla Procura della Repubblica riguardanti 411 minori stranieri non accompagnati. 

La presidente, nel corso della cerimonia, ha definito agghiacciante la vicenda legata allo scioglimento del comune di Scafati per infiltrazioni mafiose; come anche la partecipazione di esponenti della camorra casertana e napoletana in attività imprenditoriali.

Al Tribunale di Nocera Inferiore, poi, boom d’iscrizioni per reati contro il patrimonio, in particolare furti e riciclaggio.

Veronica Otranto Godano