MOVIDA

NOCERA INFERIORE. Non piace a tutti la movida nocerina. Peggio, se la stessa risulta essere anche rumorosa. Ed è per questo che cinque cittadini di Nocera Inferiore, tutti residenti a via Matteotti, hanno messo su carta le loro lamentele che non potevano più trattenere, a causa del “troppo intrattenimento” di alcuni bar e locali della zona e dell’atteggiamento, sempre più incline al vandalismo, di alcuni dei loro clienti. L’esposto, già diventato interrogazione consiliare su iniziativa del consigliere comunale Antonio Franza, è stato inviato non solo al sindaco Manlio Torquato, ma anche all’Arpac e ai carabinieri.

La presenza di bar e locali di intrattenimento – si legge – ed il rispetto della quiete e la possibilità di vivere la città, anche nella fascia serale non sono in contraddizione, ma devono necessariamente trovare punti di conciliazione, come avviene in molte altre realtà. Quando invece non si riescono a trovare punti conciliativi è necessario l’intervento sia dell’amministrazione che dell’autorità deputata affinchè si rispettino le regole della civile convivenza, si reprimano le condotte che vanno contro le predette regole (atti vandalici, di violenza e di disprezzo per la città), si sanzionino in modo fermo tutti coloro che non le rispettano“. Nella lettera, i residenti riferiscono di dover “limitare la libertà di movimento nelle ore serali“, per il timore di “subire aggressioni da individui, anche di minore età, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, considerata la prassi consolidata di distribuire in vendita alcolici anche ai minori, senza poi tralasciare le scene scabrose ed inenarrabili costretti a vedere per poter far rientro nelle proprie dimore“. Situazioni che spesso – continuano – necessitano di un intervento delle forze dell’ordine.

Quali sono dunque le richieste?

1) Evitare che, nella fascia oraria dalle 22 sino alla chiusura del locale, suoni e rumori vengano uditi all’esterno

2) Avvisare con cartelli i clienti di evitare rumori molesti e di abbandonare rifiuti all’esterno delle attività commerciali vicine

3) Obbligare gli esercenti a pulire e a raccogliere i rifiuti nel raggio di venti metri dalla soglia del loro locale all’atto della chiusura

4) Vietare il consumo di alimenti e bevande all’esterno dei locali

5) Ribadire il divieto di somministrare alcolici ai minori

Anche se alcune delle richieste non sembrerebbero essere direttamente riconducibili a chi ha in gestioni questi locali, ma piuttosto allo stile di vita e a quel senso di cultura che ognuno di noi segue e possiede, è facile constatare come venga a riproporsi ancora una volta il “problema” di via Matteotti. L’arteria comunale, polmone cittadino sia di giorno che di notte, ospita una serie di bar e locali che offrono alla loro clientela, oltre ad un normale servizio, una carrellata di musica a scopo di intrattenimento. A causa di ciò, è difficile tenere il conto delle tante segnalazioni che i residenti inviano, a cadenza quotidiana, ai vigili urbani e ai carabinieri. Dimenticando però, quasi sempre, che almeno per i vigili, la chiusura del servizio termina alle 21,30, che ovviamente impedisce loro di intervenire nelle ore notturne. Ora, al sindaco Torquato, è stato chiesto di emettere apposita ordinanza che esaudisca alcune di queste richieste, inserite ancora una volta in un esposto. C’è però un altro dato: a Nocera Inferiore, negli ultimi anni, è cresciuto in maniera esponenziale il numero di locali improntato ad attrarre e a catturare sempre di più il target “cosiddetto” giovanile. E spesso, per una ripopolazione “notturna” delle strade nocerine che non fa mai male, il prezzo che bisogna pagare è l’insoddisfazione dei residenti, che vengono travolti da musica troppo alta o da schiamazzi notturni o peggio, da fenomeni di vandalismo. Bene ad un incremento della “movida nocerina“, ma è altrettanto logico che a questo segua un senso di equilibrio che in certe zone sembra mancare ancora oggi. Al consiglio comunale e alle forze dell’ordine tocca necessariamente rimediare

di Nicola Sorrentino 

La precisazione del sindaco Manlio Torquato

P.S.

C’è gia’ una mia ordinanza sindacale proprio sui punti lamentati, che sta ai vigili e alle forze dell’ordine farla rispettare su segnalazione dei cittadini quindi il consiglio comunale non c’entra proprio nulla, e perchè il caso di via Matteotti e’ gia’ stato segnalato dall’ufficio alle forze dell’ordine.