Premio Strega 2018, vince Helena Janeczek a Roma

Ha vinto una donna l’ambito premio letterario Strega edizione 2018, Helena Janeczek con “La ragazza con la leica”. Il premio è stato promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega, grazie anche alla Camera di Commercio di Roma e Bper Banca. Nella cinquina dei premiati anche Marco Balzano con “Resto qui”, Sandra Petrignani con “La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg”, ancora poi Lia Levi con “Questa sera è già domani” e infine Carlo D’Amicis con “Il gioco”.

La Janeczek ha vinto con 196 voti provenienti dal voto cartaceo e schede elettroniche ed è riuscita a descrivere ansie, amori e ideali (prevalentemente di sinistra) di un gruppo di giovani ebrei degli anni Trenta sullo sfondo di una Parigi ben descritta. Protagonista è Gerda Taro, la famosa ragazza con la leica, fotografa e compagna di Robert Capa, morta giovanissima in Spagna sotto i cingoli di un carro armato. Il racconto si basa sulla descrizione di molte foto della coppia che li ritraggono felici insieme e poi il profilo di Gerda viene definito da tre personaggi che l’hanno realmente incontrata: lo studente di medicina Willy, detto il Bassotto, il militare Georg che Gerda ha molto amato e l’amica di Lipsia Ruth con la quale vivrà dopo la fuga dalla Germania.

Oltre alla bellezza del romanzo ha colpito, in questa edizione, la vittoria dopo ben quindici anni, di una donna. La Janeczek ha detto di essere “inciampata” nella storia della Taro mentre in realtà stava seguendo un altro filone narrativo. “Nel 2009 sono andata a vedere una mostra, mi trovavo a Milano e stavo lavorando al mio libro precedente Le rondini di Montecassino ambientato durante la battaglia di Montecassino e l’avanzata degli alleati in Italia. Lì ho visto la prima retrospettiva di Gerda Taro e ho cominciato a incuriosirmi a lei”, queste le parole della vincitrice poche ore prima della sua proclamazione.

 

Valentina Paluccio

CONDIVIDI