Venerdì 17 febbraio secondo seminario della prima scuola di formazione politica di Nocera Inferiore istituita dal coordinatore cittadino di Forza Italia Nocera Inferiore Antonio Roscia. Tema: “La Sinistra ieri ed oggi“. Platea, discenti selezionati dal coordinatore Roscia. Relatore: Nicola Landolfi.

Alcuni dei partecipanti alla scuola di formazione politica del coordinamento di Forza Italia Nocera Inferiore istituita da Antonio Roscia
Alcuni partecipanti alla scuola di politica del coordinamento di Forza Italia Nocera Inferiore istituita da Roscia

 

Un'immagine del seminario su La Sinistra ieri ed oggi della scuola di formazione del coordinamento cittadino di Forza Italia Nocera Inferiore
Secondo seminario della scuola del coordinamento Forza Italia Nocera Inferiore

Così sull’incontro il coordinatore cittadino di Forza Italia Nocera Inferiore Antonio Roscia: “Una bella serata nella quale abbiamo ospitato Nicola Landolfi, segretario provinciale del PD, che ha relazionato sul tema ” Sinistra ieri ed oggi”. È stato molto cortese a venire da noi ed è stata una serata ricca di riferimenti storici e culturali. Prima del seminario, l’attrice Margi Del Priore ha letto il famoso discorso di Pericle agli ateniesi che é stato poi distribuito ai discenti“. Nonostante la leggerezza usata da Roscia nel parlare dell’happening, resta il dubbio, riprendendo una espressione ormai entrata nella storia del linguaggio politicoo italiano,  se non di crostata, su un patto di Pericle.

 

Leggerezza che lascia posto in Roscia al non rinunciare mai ad affrontare a viso aperto le questioni politiche quando gli si chiede, in altra sede, un’opinione sul civismo che in tanti riconoscono a Manlio Torquato:

Antonio Roscia
Antonio Roscia

“Civismo? Ma quale civismo? Una lista civica esiste se legata ad un progetto collettivo: non è una lista civica quella che porta il nome di una persona. Questo si chiama personalismo. A Nocera Inferiore si celebra il peggio di tutto questo: il finto civismo si allea con il PD e l’Udc ossia due partiti ufficiali, il che già di per sé è una contraddizione in re ipsa per una lista civica. Qualche mese fa, sentii dire che qui c’era un “uomo di destra”. Al paese mio, gli uomini di destra non fanno alleanze elettorali con la sinistra ma soprattutto se devono tradire i propri ideali di riferimento non cercano scuse“.

Marcello D’Ambrosio