Mariano Falcone, coordinatore provinciale Noi con Salvini Salerno lo aveva detto a Lèggi Online a settembre 2016: “A Nocera Inferiore avremo un nostro candidato sindaco.

 

Oggi, presso Bakery Dolci Architetture, a Nocera Inferiore: impegno mantenuto.

Presentazione del candidato sindaco di Noi con Salvini per Nocera Inferiore Domenico Fimiani e del gruppo Noi con Salvini Nocera Inferiore di cui Rosaria Capece è coordinatrice cittadina.

Domenico Fimiani
Domenico Fimiani

L’incontro di questa mattina 15 marzo è’ stato per Domenico Fimiani, dottore commercialista, anche l’occasione di esporre il programma, frutto del lavoro del gruppo Noi con Salvini Nocera Inferiore che ha individuato in lui la sintesi quale candidato sindaco del movimento. Fimiani nel suo intervento si è soffermato in particolare sull’aspetto riguardante le aziende partecipate del comune ed i rapporti “non buoni” con i dipendenti delle stesse. E poi su un tema a cui tiene particolarmente, il lavoro giovanile, esprimendo la volontà di istituire un un ufficio preposto all’imprenditoria giovanile con lo scopo di essere al fianco giovani desiderosi di realizzare nuove realtà lavorative anche attraverso l’utilizzo di finanziamenti regionali e comunitari.

 

L'intervento di Rosaria Capece, coordinatrice cittadina di Noi con salvini
L’intervento di Rosaria Capece, coordinatrice cittadina di Noi con Salvini

Conclusioni affidate alla coordinatrice cittadina di Noi con Salvini Nocera Inferiore, la dottoressa Rosaria Capece, che ha esortato i presenti e invitato i cittadini di Nocera Inferiore a confrontarsi sul programma proposto da NcS ed esposto dal candidato sindaco Fimiani a proporre modifiche o arricchimenti dei punti già definiti e nuove idee a partire dalle tematiche che singoli, gruppi o organizzazioni sentono maggiormente da eventualmente da aggiungere al programma da presentare agli elettori.

Abbiamo approfittato dell’importante evento per Noi con Salvini Salerno, prima forza del centrodestra nocerino a presentare un progetto compiuto con un candidato a sindaco, una lista in costruzione e una piattaforma programmatica già definita per parlarne (e non solo di questo) con Mariano Falcone, coordinatore provinciale di Noi con Salvini Salerno

Mariano Falcone
Mariano Falcone e Matteo Salvini

Segretario prima di tutto un pensiero su Matteo Salvini a Napoli sabato

“La presenza di Salvini a Napoli è la prova, se ancora ce ne fosse bisogno, del suo affetto, amore e attenzione per il Sud, la sua gente, i suoi problemi. Matteo Salvini ha prodotto una mutazione genetica della originaria Lega Nord, che oggi con Noi con Salvini è un movimento nazionale, popolare, da Nord a Sud. Chi fa dietrologia, critica, lo nega lo fa solo per scarsa conoscenza di Matteo e del movimento Noi con Salvini o per un personale tornaconto elettorale. Matteo Salvini è al pari di altri leader nazionali un giovane, e al pari di altri leader nazionali nonostante la giovane età ha mostrato la maturità di riconoscere e ammettere errori su certi aspetti del suo esordio politico, e oggi assistiamo alla maturazione di un giovane leader con una rinnovata visione della propria provenienza politica, allargata e svuotata di alcuni paletti ideologici limitanti. La crescita del movimento va di pari passo con la maturazione di Matteo che, oggi, io sostengo, ma è il messaggio che lui stesso ha voluto lanciare da Napoli, si candiderà ad essere il leader del centrodestra nazionale

Tuttavia gli episodi di violenza a Fuorigrotta sembrano contraddire quanto lei dice 

Su questo sono categorico! Innanzitutto io ero presente fisicamente alla Mostra d’Oltremare a Fuorigrotta dove si è tenuto l’evento con Matteo Salvini. Il filtro dei media a volte può generare confusione. Chi ha manifestato, in alcuni casi anche in maniera violenta, erano figli di papà aizzati dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris che, in spregio alle più elementari regole di comportamento istituzionale, ha cercato di ottenere, e forse ci è anche riuscito, un po’ di luce riflessa dalla popolarità di Salvini. Punto. Il nostro pensiero e ringraziamento va alle forze dell’ordine che rischiano la propria incolumità per questi ragazzetti e per l’irresponsabilità di un De Magistris e a chi potenzialmente poteva avere nelle stesse ore necessità prioritaria della presenza delle forze dell’ordine”

Spostiamoci a Nocera Inferiore. Oggi la presentazione del vostro candidato sindaco

Lei ricorderà, in una precedente intervista di diversi mesi fa, che avevo detto che a Nocera Inferiore era presente una struttura di partito che stava lavorando alla creazione di una lista e all’individuazione di un candidato sindaco di Noi con Salvini. Oggi, a Nocera Inferiore, siamo la prima forza del centrodestra a presentare e proporre un proprio candidato sindaco. Abbiamo mantenuto il nostro impegno.

Domenico Fimiani, che sarà il candidato a sindaco di Nocera Inferiore per Noi con Salvini, è un serio, stimato e rispettato professionista, commercialista. E’ alla prima esperienza politica della sua vita, e questo rafforza la sua identità di uomo libero, anche da vincoli politici o di partito. Noi con Salvini è già pronta a correre per le elezioni amministrative a Nocera Inferiore, anche da soli. Ma la nostra coerenza sta nel provare nei fatti quanto diciamo: nella stessa intervista citata precedentemente, le dicevo che nostra intenzione era, prima di prendere qualunque decisione, un confronto con le altre forze del centrodestra nocerino, Forza Italia e Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale, e tutte le forze civiche di Nocera Inferiore, sui candidati a sindaco per verificare le condizioni di una sintesi con l’individuazione del candidato sindaco della coalizione. Ipotesi che non è assolutamente esclusa, anzi attendiamo l’evoluzione del percorso dei nostri alleati a questo fine.

Contestualmente abbiamo presentato il gruppo Noi con Salvini di Nocera Inferiore di cui è coordinatrice cittadina Rosaria Capece”

Ha letto le considerazioni del sindaco di Positano De Lucia su Meridione Nazionale?

Sì ho letto la vostra intervista a Michele. Trovo importante la nascita di questo nuovo soggetto politico-culturale nella nostra area di centrodestra e ho la massima stima di chi lo ha ideato, Giovanni Romano, di chi lo sta animando, lo stesso Michele De Lucia, e di chi ne sta coordinando l’organizzazione, Michele Cuozzo. Ci sarebbe molto da riflettere e dire sulle parole di De Lucia. In questa fase, come dirigente di un partito, preme focalizzare l’attenzione sulle prossime amministrative, in particolare nel Cilento, area citata da De Lucia. Lì ritengo più opportuno per il centrodestra presentarsi senza simboli di partito ma con formazioni civiche, a partire dal centro più importante, Agropoli. E’ una valutazione di natura politica alla base di un ragionamento finalizzato a raggiungere, anche nel Cilento, il migliore risultato elettorale”.

Marcello D’Ambrosio