Federica Fortino
Federica Fortino

Federica Fortino, 26 anni, nocerina, segretaria provinciale dei Giovani Democratici salernitani, prova a fare chiarezza sulla confusione nata intorno alla costituzione del comitato politico in seno al circolo cittadino del PD di Nocera Inferiore coordinato da Alfonso Oliva. “Ho sentito il segretario cittadino dei GD Donnarumma, con il quale c’è stato chiarimento. Il problema non è che lui “disconosce” il documento che costituisce il comitato, ma le modalità: avrebbe preferito essere informato prima. Per quanto riguarda me, sostengo che i giovani debbano far parte dell’esecutivo del partito.” Ma la tua visione non contraddice un po’ lo spirito fondativo dei Giovani Democratici? “Con il nuovo congresso nazionale, regionale e poi provinciale, almeno per quanto riguarda la linea che sto dando io a livello provinciale, l’impostazione è quella di vicinanza tra Giovani Democratici e Partito Democratico. Anche a Battipaglia si è verificata situazione analoga, con i GD contrapposti al partito degli adulti e io ho ribadito che i giovani sosteranno sempre il PD e viceversa. Anche perchè io, facendo parte della segreteria provinciale del PD salernitano, per coerenza intendo dare questa impostazione. Del resto se leggiamo bene lo statuto dei Giovani Democratici è prevista la vicinanza al partito dei “grandi”.” Ma all’interno del comitato avete discusso la scelta di Nicola Landolfi che sostiene che Manlio Torquato sarà il candidato anche del PD alle amministrative del prossimo anno? “Come dice il segretario provinciale noi adesso siamo in maggioranza. Mesi fa abbiamo aperto alla maggioranza in amministrazione, tre consiglieri del gruppo Torquato hanno aderito al PD e di conseguenza, sottolineo che manca ancora un po’ di tempo, però essendo noi in maggioranza è conseguenza naturale che il candidato sindaco sia Torquato”. Qualcuno sospetta che Torquato voglia utilizzare il PD come un taxi per ridiventare sindaco…“Innanzitutto va detto che da sempre, dalle ultime amministrative, al ballottaggio, il partito ha sostenuto il sindaco Torquato quindi più che altro è stata una decisione non semplice ma coerente. Vero è che il PD continua a svolgere il suo lavoro di apertura alla cittadinanza sul territorio a prescindere dalla scadenza delle amministrative. Personalmente non credo sia così, anche perchè, volendo fare una battuta, il PD di oggi non è più quello di due anni fa che tirava con il simbolo, dunque c’è bisogno di lavorare ed è importante che a Nocera si lavori.” Ma il PD in

Manlio Torquato
Manlio Torquato

questi anni non ha avuto il tempo di costruire una candidatura alternativa a Torquato, anche per eventuali primarie? “E’ un ragionamento, come dire, un po’ più complesso. Il PD è composto da tante personalità, militanti, donne e uomini che si impegnano per il territorio. Io credo che il PD abbia tutta la possibilità di esprimere un candidato autonomo, ma per il bene della propria città c’era bisogno dell’ingresso in maggioranza del partito e viceversa il PD ha bisogno della città di Nocera.” E un’ipotetica coalizione? “E’ un ragionamento prematuro, ma dò per scontato che si tratterà di una coalizione di centrosinistra affiancata da liste civiche.” E Federica si candiderà in consiglio comunale o continuerà il suo impegno nel partito? “Allora: io credo che anche la candidatura al consiglio comunale deve essere una candidatura che passa per il partito. Se il partito dovesse chiedermelo, io sono a disposizione.”

Marcello D’Ambrosio