Nanni Marsicano
Nanni Marsicano

Nanni Marsicano portavoce Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Salerno non usa mezzi termini su Meridione Nazionale, il nuovo soggetto politico culturale nel panorama del centrodestra a Salerno ideato da Giovanni Romano, assessore regionale nella giunta di Stefano Caldoro e fino a poco tempo fa sindaco di Mercato San Severino, animato da Michele De Lucia sindaco di Positano e coordinato sotto il profilo organizzativo da Michele Cuozzo, segretario provinciale di FDI-AN Salerno commissariato di recente.

Michele Cuozzo
Michele Cuozzo

Auguro buona fortuna all’avvocato Cuozzo. Noi siamo impegnati a risollevare un partito che versava in uno stato comatoso. Siamo costretti a tassarci per farci riattaccare il telefono e l’energia elettrica. Noi iscritti non abbiamo neanche ricevuto le tessere del 2016. Per non parlare poi dell’organizzazione sul territorio – le parole di Marsicano, che continua:

Giovanni Romano
Giovanni Romano

“Altrettanta fortuna auguro a Giovanni Romano e al sindaco Michele De Lucia.  Tuttavia io continuo a chiedermi dove fosse l’ex sindaco di Mercato San Severino ed ex assessore regionale della giunta di Stefano Caldoro Giovanni Romano quando come Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale ci siamo battuti alle regionali del 2015 e alle provinciali del 2016

E ancora:

Alla vigilia delle elezioni politiche si rivedono “personaggi non in cerca d’autore, ma in cerca di candidature. Ma le candidature, in politica, non bastano: è necessario il consenso

Michele De Lucia
Michele De Lucia

Gli abbiamo rivolto alcune domande:

Michele De Lucia, nell’intervista a Lèggi On Line ha fatto riferimento alle imminenti elezioni amministrative nel Cilento, l’area territoriale di cui lei è portavoce in FDI-AN Salerno, e accennato alla metodologia per l’individuazione dei candidati a sindaco. Condivide?

I candidati a Sindaco devono essere espressione delle realtà locali, compito del partito è invece incidere sui problemi sovracomunali quali la viabilità, il turismo e quindi il lavoro. Dobbiamo avere la capacità di elaborare un progetto di sviluppo alternativo all’approccio esclusivamente clientelare del PD. Meridione Nazionale è un altro ramo secco dell’area di centrodestra destinato soltanto a creare ulteriore confusione nel quadro politico. È evidente che si tratta di un’operazione di riciclaggio politico di chi, pur avendo ricoperto ruoli di grande potere nella giunta di Stefano Caldoro, ha contribuito ad una sconfitta elettorale senza precedenti

Mariano Falcone
Mariano Falcone

Mariano Falcone in occasione della presentazione a Nocera Inferiore del candidato sindaco di Noi con Salvini si è invece espresso molto positivamente su Meridione Nazionale e sulle elezioni nei comuni del Cilento suggerisce al centrodestra di presentarsi con liste civiche piuttosto che con i simboli.

Mariano Falcone ha interesse a valorizzare Meridione Nazionale perché pensa di indebolire la nostra forza in provincia dimenticando che anche alle ultime competizioni elettorali restiamo il primo partito del centrodestra. Ricordo a me stesso che Edmondo Cirielli è stato capace di conseguire un successo straordinario se è vero che la nostra provincia ha il primato in termini di consenso in Italia. Ne condivido invece il discorso riguardo l’impostazione delle liste alle prossime scadenze elettorali nei comuni al voto nel Cilento

Enzo Fasano
Enzo Fasano

Ma attualmente, a che stato è Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale dal punto di vista politico e soprattutto organizzativo in provincia di Salerno e nell’area di cui lei è portavoce, il Cilento? Le altre forze del centrodestra, Noi con Salvini e Forza Italia, pur se non in maniera brillante si sono portate già avanti con il lavoro.

Le rispondo ma consenta una premessa. Che non è finalizzata ad esibire trofei ma a darle il senso della coerenza alla base delle mie affermazioni.

Ho parlato, per quanto riguarda le elezioni comunali, di radicamento sul territorio.

Sono sposato e padre di due figli, esercito la professione di avvocato, e può immaginare quanto il mio lavoro ogni giorno mi porti a contatto con i problemi reali di tantissime persone. Allo stesso tempo porto avanti un’importante attività d’impresa nei settori agricolo e turistico. Le mie aziende, come la Discoteca La Suerte e il Villaggio La Mare’e, con oltre 100 dipendenti, sono molto note. Sono consigliere comunale a Pisciotta avendo conseguito oltre il 30% dei voti alle ultime consultazioni. 

Per me, questo è radicamento sul territorio! E le ho parlato di me perchè non ritengo elegante parlare di altri, come qui, nel Cilento, ve ne sono, con le stesse caratteristiche dell’idea che io ho, ma credo sia unversalmente condivisa, di radicamento sul territorio.

Per quanto riguarda la sua domanda, Fratelli D’Italia in provincia di Salerno sta compiendo un grande sforzo di riorganizzazione e di radicamento grazie all’impegno diretto di Edmondo Cirielli.

Il lavoro di queste settimane ottiene risultati lusinghieri. Completata la fase di nomina dei coordinatori su tutto il territorio e la campagna di tesseramento per il 2017 apriremo un libero confronto l’8 aprile nell’assemblea provinciale. Parteciperà ai lavori l’onorevole Francesco Lollobrigida responsabile organizzativo nazionale e chiuderà l’evento Giorgia Meloni.

L’assemblea si terrà proprio nel Cilento per testimoniare l’impegno del Partito in favore dei territori più disagiati. Colgo l’occasione per invitare voi e chi vorrà esserci per tastare con mano la concretezza. Le parola lasciano il tempo che trovano

Marcello D’Ambrosio