Umberto Mauriello

NOCERA INFERIORE. Si sono “corteggiati” per quasi un anno e mezzo, ma l’impressione che un giorno potessero trovarsi insieme non l’avevano mai trasmessa. Eppure, con un tempismo politico perfetto, sempre caro al detto “in politica mai dire mai“, il consigliere dell’Api (Alleanza per Nocera) Umberto Mauriello, ha dichiarato il suo “amore” per l’amministrazione del sindaco Manlio Torquato.

Come anticipato dal quotidiano Il Mattino, sono proprio le dichiarazioni del consigliere a far intuire un suo prossimo passaggio in maggioranza: “Preferisco costruire invece di distruggere. Ritengo opportuno offrire la mia collaborazione formale e sostanziale”

Tra le fila dell’opposizione, Mauriello era sempre risultato essere uno dei consiglieri più attenti e precisi, merito della sua esperienza sia in ambito politico che amministrativo. Memorabili i suoi scontri con l’attuale assessore alle partecipate Antonio Angrisani, che fu invitato anche a dimettersi dopo un question time durissimo, su invito di Mauriello, incentrato sugli incarichi legali affidati ad una short list di avvocati. Tuttavia, non è un mistero che alcune componenti dell’amministrazione, in un passato neanche troppo remoto, si siano rivolte a lui per consigli e opinioni. Una “collaborazione” mai nascosta e ben visibile durante le commissioni e negli ultimi consigli comunali, nei quali si discuteva di scelte strategiche importanti. Come quelle sul bilancio e sull’ambiente, tematiche sempre care a Mauriello.

L’ingresso o il sempre più probabile “appoggio” di quest’ultimo alla maggioranza del sindaco Torquato, ha tuttavia anche un significato politico. E cioè la scomparsa dell’unico rappresentante della lista Api, “costruita” dall’ex sindaco Antonio Romano e dall’ex consigliere comunale Rosario Cozzolino. La lista fu messa su per sostenere Luigi Cremone ed è andata nel tempo sfaldandosi sempre più. Basta dare un’occhiata ai firmatari della mozione “Insieme Per” del Pd, dove è possibile trovare ben 6 candidati dell’allora lista Api. L’ingresso di Mauriello in maggioranza completa, in sostanza, l’opera. Per lui – secondo i bene informati – potrebbe essere pronta una delega all’ambiente.

di Nicola Sorrentino