Pallone Lega Pro
Pallone Lega Pro

Si è discusso ieri 3 settembre, il ricorso del Seregno nei confronti della FIGC per aver modificato il numero di partecipanti alla Lega Pro riducendolo da 60 a 54. La squadra richiedente si è vista respingere la richiesta. Ecco quanto comunicato dalla Federazione in merito alla decisione.

“Il Collegio di Garanzia dello Sport, al termine della sessione di udienza a Sezioni Unite di oggi, ha respinto il ricorso della società USD Seregno Calcio contro FIGC per la delibera del Presidente federale del 7 agosto e ha disposto la liquidazione delle spese del giudizio, poste a carico della soccombente e quantificate in euro 2.000, a favore della resistente FIGC.

Ha altresì dichiarato inammissibile l’intervento delle società Forlì e Gubbio nel procedimento di cui all’oggetto, poiché titolari di una posizione autonomamente legittimante avverso il provvedimento oggi impugnato e poiché il termine per la proponibilità del ricorso è tutt’ora pendente.

Infine:

considerato che la società ricorrente aveva, nei termini prescritti, presentato la domanda di ripescaggio; considerato che detta domanda era stata respinta per mancanza di alcuni requisiti di parte della squadra stessa e che avverso il provvedimento di respingimento nessun tempestivo ricorso risulta presentato dalla società interessata; considerato dunque che l’organico attuale del Campionato di Lega Pro non risulta essere l’effetto di un’indelebile, autoritaria riduzione con provvedimento federale, ma rappresenta la presa d’atto che soltanto le squadre con i requisiti erano iscrivibili ed il numero delle stesse non raggiunge le sessanta unità; che di conseguenza l’attuale numero di cinquantaquattro squadre rappresenta e dà atto della situazione effettiva di coloro, e non altri, che avevano titolo ad essere iscritte al campionato di Lega Pro; ha respinto l’istanza cautelare invocata dalla ricorrente”

Inoltre ha anche ritenuto improponibili i ricorsi –in merito alla decisione della Corte Federale d’Appello di retrocedere le squadre imputate- di Vigor Lamezia, Teramo, Torres e Forlì, essendo le documentazioni incomplete, infatti mancava la pubblicazione della motivazione. La Lega Pro resta, quindi, a 54 squadre e il campionato partirà regolarmente il 6 settembre senza ulteriori cambiamenti dei gironi e delle squadre partecipanti.

Cristina Mariano

CONDIVIDI