La provincia di Salerno si ritrova ancora soffocata da cumuli di rifiuti. Basta guardarsi intorno per trovare ammassi di immondizia, alle volte dati alle fiamme. Il caldo di questi giorni di sicuro contribuisce a deprimere la situazione.

A tal proposito, il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, ha fatto notare che la disastrosa condizione in cui tutta la provincia di Salerno versa attualmente, e purtroppo da tanto tempo, provoca un serio danno alla salute, cui si aggiunge “un danno d’immagine notevole che la qualità sociale della Cittadinanza della provincia di Salerno non merita”.

Antonio Iannone
Antonio Iannone

Iannone punta il dito contro De Luca e il suo partito, il cui lassismo è la causa per cui anche quest’estate ci si trova a dover fare i conti con la cattiva gestione del ciclo rifiuti che collassa. “De Luca e il Pd non sono capaci neanche di raccogliere gli allarmi: avevo denunciato, già a Maggio, che le difficoltà dello Stir di Battipaglia rischiavano di farci trovare con i rifiuti in strada proprio in piena estate ma chi governa Regione e Provincia evidentemente era troppo impegnato a trovare una collocazione ad un Direttore Generale in servizio permanente effettivo”- ha dichiarato Iannone.
 “In una provincia a forte vocazione turistica come la nostra, dovrebbero fare notizia gli attrattori culturali, la bellezza sconvolgente dell’ambiente, l’enogastronomia, i servizi al turismo e non la monnezza in strada, i roghi, i camion ricolmi di rifiuti bloccati in strada per ore perché non possono conferire – continua il senatore Iannone.
“Ricordo – conclude – che con la provincializzazione del ciclo dei rifiuti non avevamo conosciuto mai un giorno d’emergenza mentre, oggi, con un ATO che non è mai partito se non per incarichi agli amici della famiglia politica del PD, De Luca ha fatto tornare i nostri territori allo splendore dei tempi d’oro di Bassolino“.

CONDIVIDI