Gli Stati Generali del centrodestra in Campania sono solo uno spot mal riuscito di Forza Italia“. Così ha esordito il Presidente Regionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Antonio Iannone, in una nota in cui esprime il suo disappunto sull’appuntamento dello scorso 17 luglio a Napoli con le forze del centrodestra campano.

Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in Campania è un Partito aperto al dialogo quando il confronto è vero e sui temi che riguardano la vita dei Cittadini, marchette e schemi politici triti e ritriti non ci interessano.

La scorsa settimana sono stato invitato a partecipare (da Forza Italia) ad un tavolo regionale di Coordinamento delle presunte forze del fantomatico centrodestra. Mi sono trovato al cospetto di un lavoro finalizzato ad una manifestazione spot da tenere il 17 Luglio 2017, con l’evidente scopo di dare un colpo d’ala alle difficoltà interne al proprio partito che vivono i dirigenti di FI.

Ho riferito con garbo che il tema necessitava di una verifica del Partito visto che si tratta di una questione di linea politica che abbisogna di chiarimenti ai massimi livelli (dopo il patto del Nazareno, il tentativo d’inciucio sulla legge elettorale, le uscite stucchevoli sulla leadership di Marchionne…ed altre bestialità di cui Forza Italia abbonda) ed una nostra pregiudiziale di compatibilità con semplici sigle presenti al tavolo. Ho ricordato, inoltre, che Forza Italia non si era fatta promotrice di una tale iniziativa ne’ alle regionali 2015, ne’ alle Amministrative 2016, ne’ alle Amministrative 2017. In queste occasioni un tavolo forse ci avrebbe consentito di limitare spaccature e spinte localistiche consentendoci risultati migliori attraverso soluzioni più opportune. Ho anche detto che il nostro problema non si può riassumere esclusivamente nella parola Unità (in alcuni comuni siamo andati uniti e comunque non abbiamo vinto) ma che la parola d’ordine doveva essere Credibilità (dove si propongono Sindaci autorevoli e programmi chiari con un lavoro che viene da lontano si vince). I tempi poi di realizzazione dell’iniziativa non consentivano una riflessione seria sui temi in modo da fare una sintesi sulle proposte (sanità, trasporti, lavoro, ciclo integrato dei rifiuti, urbanistica). Ho chiesto tempo anche per confrontarmi con tutta la classe dirigente della nostra regione, come sono abituato a fare pur senza rinunciare a decidere, ma ho trovato un muro. Per tre anni non ci si è mai visti ed ora si voleva compiere tutto in una settimana.

Raccogliendo questi fatti e perdurando le pregiudiziali ho rassegnato la nostra impossibilità ad essere dell’iniziativa. Con tutti i Dirigenti campani portiamo avanti un duro lavoro che sosteniamo da anni, l’Unita’ deve essere figlia della Chiarezza, in Campania non c’è centrodestra senza Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale che alle ultime Regionali ha riportato quasi il 6%.

Noi siamo un Partito e non una sigla satellite da consultare quando il bisogno interno a Forza Italia di qualche “Signorina Buonasera” e di qualche “Signor Si” lo richiede, non partecipiamo a manifestazioni spot prive di contenuto e confronti ma solo preconfezionate e pretestuose per affermare un ruolo di centralità autocertificata in un centrodestra che, com’era tradizionalmente inteso, non esiste più: scelta chiara di campo, un Leader giovane, nuovo e scelto dalla base, Idee innovative e nette per affrontare i problemi del Paese. Questi sono i chiarimenti di merito e di metodo che attendiamo a livello nazionale. Solo dopo questo possiamo confrontarci a livello regionale mettendo da parte, tuttavia, coloro che ostinandosi a costruire sconfitte risultano essere i migliori alleati di De Luca. Le forzature generano solo iniziative sterili come testimoniano anche altre assenze di forze politiche che si sono aggiunte e si aggiungeranno alla nostra”.

Inoltre, anche Antonio Roscia, presidente del club Forza Silvio di Salerno ed ex commissario cittadino di Fi a Nocera Inferiore, aveva dichiarato sul suo profilo Fb di non voler prendere parte alla manifestazione.

Domani (lunedì 17 luglio, ndr) non andrò ai sedicenti stati generali del centrodestra a Napoli. E non perché il sottoscritto non sia stato invitato: a queste cose sono abituato. Innanzitutto trovo stucchevole che si organizzi una giornata del genere in un giorno lavorativo come il Lunedì: non è che tutti prendano uno stipendio dalla politica o che ambiscano a prenderlo. Inoltre, dal punto di vista politico, è solo una operazione di facciata, nata male e gestita peggio: che stati generali del centrodestra sono senza Fratelli d’Italia e Noi con Salvini? Questa è una operazione politica sbagliata che non coinvolge le forze centriste del perimetro del PPE, pure continuamente osannato e mai praticato, che serve solo a fare il buffo a Giovanni Toti. A Napoli, parteciperanno i soliti professori universitari, professionisti in cerca di sponsor, giovani selfisti, personaggi in cerca d’autore e politici stipendiati: mancherà la gente, quel popolo di centrodestra che da anni vorrebbe parlare e dire la sua. Per il resto ci saranno, oltre Forza Italia, la bellezza di otto finti partiti che accocchiati tutti insieme, se facessero le proprie liste, non prenderebbero i voti di Forza Italia a Nocera. Ed ho detto tutto.

Insomma, sembra proprio che l’iniziativa abbia fatto un vero e proprio flop.

CONDIVIDI