Riceviamo e pubblichiamo nota stampa del M5S di Nocera Superiore, del gruppo Amici di Beppe Grillo di Nocera Inferiore e del consigliere comunale di Nocera Inferiore del Movimento 5 stelle Vincenzo Spinelli.

Puntualmente durante una campagna elettorale assistiamo al fenomeno del manifesto elettorale abusivo.

La normativa, però, al riguardo è chiara. Infatti ai  sensi legge n. 212 del 1956 l’affissione dei manifesti di propaganda elettorale può essere fatta esclusivamente negli appositi spazi a ciò destinati in ogni Comune. Tuttavia  queste disposizioni vengono spesso disattese. Alcuni candidati si riempiono la bocca di buoni propositi, predicando bene ma razzolando male, poiché  non rispettano le suddette regole che sono innanzitutto regole di civiltà e di educazione oltre che giuridiche.

Chi si candida dovrebbe dare il buon esempio rispettandole, ma non sempre viene fatto.

Al riguardo noi attivisti del gruppo di Nocera Superiore e del gruppo Amici di Beppe Grillo  di Nocera Inferiore insieme al consigliere comunale del Movimento 5 stelle Vincenzo Spinelli abbiamo indirizzato al Comando di polizia municipale di Nocera Superiore e di Nocera Inferiore un documento nel quale, dopo aver richiamato la normativa da applicare, chiediamo che sui manifesti elettorali affissi fuori dagli spazi consentiti dalla legge siano fatti i dovuti controlli, irrogate le corrispondenti sanzioni e adottati tutti i provvedimenti consequenziali compresa la rimozione degli stessi.

Siamo sicuri che le persone non si faranno suggestionare da coloro che affiggono un numero elevato di manifesti (abusivi), ma premieranno le idee del Movimento 5 stelle ed il cambiamento che lo stesso vuole realizzare in Italia.

Il consigliere comunale del M5S
Vincenzo Spinelli.

Gli attivisti di Nocera Superiore

Gerardo Bosco
Giovanni Cuofano
Antonio D’Amico
Giovanni D’Amico
Carlo Mandara.

Il gruppo Amici di Beppe Grillo di Nocera Inferiore                                                            Gaetano Cammarota
Alfredo Lambiase
Giulia Lamberti
Cosimo Panico.

CONDIVIDI