Antonella Mosetti: “La chirurgia estetica ha distrutto mia figlia”.

non È partita a raffica la showgirl Antonella Mosetti, parlando dei problemi che la chirurgia plastica avrebbe creato alla figlia Asia Nuccetelli, solo ventiduenne. In realtà è la stessa Mosetti ad ammettere di aver portato la figlia dal chirurgo plastico per fare dei ritocchi e forse farle accettare di più il suo corpo in seguito alla partecipazione al Grande Fratello Vip, durante il quale Asia è stata duramente criticata anche per il suo aspetto fisico. La televisione però, può giocare sporco e i social, ad oggi, sono lo specchio di una società degradata dai canoni estetici estremi. La Nuccetelli sembra quindi aver esagerato con i ritocchi, apparendo infatti in molte foto con un volto completamente mutato, una Barbie nostrana che dell’originalità della classica bambola ha ben poco.

Ma Mosetti e figlia non sono state le uniche ad aver fatto un passo indietro rispetto alla chirurgia estetica, molte star di casa nostra e non hanno deciso di fare mea culpa rispetto a un utilizzo sbagliato dei ritocchi che le ha stravolte nel fisico e anche nella mente. Tra le prime Simona Ventura che dice di aver pianto o Belen che ha ceduto al ritocco nel momento in cui è affacciata a un mondo dello spettacolo che aveva standard davvero molto alti. Francesca Neri ha addirittura voluto togliere il silicone da quelle labbra trattate da giovane mentre Courtney Cox, la Monica della serie televisiva americana “Friends”, ha ammesso di aver rovinato il suo viso e di avergli tolto espressività a causa di iniezioni di botulino frequenti. Molte però, sono quelle che hanno detto no al chirurgo, mantenendo i loro pregi e i difetti in un corpo che non

può e non deve essere mutato rispetto a canoni estremi che vogliono rendere le donne tutte uguali. La chirurgia serve però in tante situazioni delicate che meritano trattamento ma non è necessario abusarne. Come dicevano gli antichi: in media stat virtus.

Valentina Paluccio

CONDIVIDI