Dopo la coppia di cinesi e il 29enne di Reggio Emilia, un altro caso di Coronavirus in Italia è stato registrato in queste ore.  Un uomo di 38 anni del lodigiano è risultato positivo ai test per la diagnosi.

Attualmente vi sono circa sessanta persone in quarantena in Lombardia, a causa di un presunto contagio da un uomo 38 enne che a sua volta avrebbe avuto contatti in occasione di una cena di lavoro con un collega che era appena rientrato dalla Cina, a seguito del quale l’uomo ha presentato i sintomi tipici del virus, ovvero febbre alta e difficoltà respiratorie.

Al momento il 38enne è ricoverato da ieri sera presso l’ospedale di Codogno (Lodi) in condizioni gravi e in attesa di essere trasferito all’ospedale Sacco di Milano. Insieme a lui, la moglie e un’altra persona, oltre all’uomo asiatico che li ha contagiati.

«Abbiamo già ricostruito sia i contatti dei medici, degli infermieri, dei familiari più stretti a cui abbiamo già fatto i tamponi. Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio» – ha spiegato l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, che ha altresì invitato «tutti i cittadini di Castiglione d’Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali»

CONDIVIDI